Gustav Klimt. Giovanni Iovane e Sergio Risaliti

Lunedì 12 novembre ore 18.00

IN OCCASIONE DEL CENTENARIO DELLA MORTE, UNA MONOGRAFIA PER RACCONTARE UN ARTISTA ANCORA TUTTO DA SCOPRIRE.

Intervengono Carlo Sisi e Laura Lombardi.
Saranno presenti gli autori

“Chi vuole sapere più su di me, cioè sull’artista, l’unico che vale la pena di conoscere, osservi attentamente i miei dipinti per rintracciarvi chi sono e cosa voglio.” Gustav Klimt

Gustav Klimt è uno dei maestri dell’arte moderna europea; opere come Il bacio, L’albero della vita o Giuditta sono icone ormai celebri della storia dell’arte ma anche della cultura popolare. Eppure Klimt resta un artista ancora da scoprire e soprattutto da raccontare. Questo è l’obiettivo dell’agile monografia di Giovanni Iovane e Sergio Risaliti, che anche attraverso la puntuale descrizione delle opere aiuterà il lettore a ricostruire l’evoluzione dell’arte del padre fondatore della Secessione viennese, le tappe salienti della sua carriera, le grandi commissioni, le vicende sentimentali, dalla giovinezza all’età matura fino agli ultimi anni di attività quando, non pago dei risultati raggiunti, cambiò stile per vivere una nuova fase creativa meglio nota come la stagione dello stile fiorito.

GIOVANNI IOVANE
È professore di Storia dell’Arte Contemporanea all’Accademia di Brera, dove ricopre la carica di vice direttore. Critico d’arte e curatore indipendente presso musei e fondazioni nazionali ed europei, è autore di saggi di critica d’arte.

SERGIO RISALITI
È storico e critico d’arte, ideatore e curatore di mostre e di eventi interdisciplinari, scrittore e giornalista.
Collabora con “Il Venerdì di Repubblica”, il “Corriere fiorentino”, “Arte Mondadori”, “Flash Art”.
È direttore artistico del Museo Novecento di Firenze.
Per Bompiani ha pubblicato La Pietà vaticana (2015, con Francesco Vossilla).

Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
L’ingresso non prevede l’accesso al percorso museale.