Pagine d’Arte

30 settembre 2015

Mercoledì 30 settembre ore 17.30

Leonora Carrington un viaggio nel Novecento. Dal sogno surrealista alla magia del Messico

Presentazione del libro di Giulia Ingarao edito da Mimesis Edizioni – Collana Arte e Critica. L’autrice in dialogo con Davide Lacagnina (storico dell’arte, Univ.di Siena) e Angela Sanna (storica dell’arte e curatrice, Accademia di Belle Arti di Brera-Milano).

 

Il volume, risultato di dieci anni di ricerca tra Europa, Stati Uniti e Latino America, racconta la vita e le opere di Leonora Carrington(1917-2011), artista visionaria ed eclettica protagonista della storia dell’Arte del Novecento. Unica donna del gruppo surrealista capace di tenere testa a Breton, ha incarnato i due archetipi del femminile: femme enfant e femme sorcière.

Dopo la tormentata storia d’amore con Max Ernst, la follia e la fuga dal manicomio, l’artista d’origine inglese si stabilisce prima a New York, dove frequenta la galleria Arts of this Century diretta da Peggy Guggenheim, e poi in Messico. La cultura messicana alimenta la sua creatività stimolando la creazione di un universo iconografico e letterario popolato da figure mitologiche e fantastiche nel quale si mischiano la profonda conoscenza del Rinascimento italiano, le forme simboliche del surrealismo e gli studi sull’esoterismo e l’alchimia.

Il libro illustra la formazione in Europa, l’incontro con il Surrealismo e la lunga vita in Messico, dove Leonora Carrington ha terminato la sua esistenza nel 2011 e dove l’autrice l’ha frequentata nella sua casa a Città del Messico. Le vicende documentate si arricchiscono di accurate interpretazioni delle opere e di aneddoti biografici (l’incontro con Picasso, l’amicizia con, tra gli altri, Luis Buñuel, Alejandro Jodorowsky, Octazio Paz).

Carrington è oggi considerata una delle più grandi artiste surrealiste e messicane, la sua produzione è straordinariamente vasta e spazia dalla pittura, alla scultura, la letteratura, le arti applicate, la scenografia e il teatro.

Giulia Ingarao, critica e storica dell’arte, ha conseguito il dottorato di ricerca all’Università di Palermo e si è specializzata presso l’Universidad Nacional Autónoma de México. Ha pubblicato numerosi saggi, molti dei quali sulla diaspora surrealista in Messico. È docente di storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo.

Davide Lacagnina (Palermo, 1978) ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia dell’arte presso l’Università di Palermo e si è specializzato in Storia dell’arte contemporanea presso l’Università di Siena. Ha frequentato i corsi di perfezionamento in museologia e gestione dei beni culturali della Scuola Normale Superiore di Pisa e dell’Ecole du Louvre e ha svolto attività di ricerca presso università e istituti italiani e stranieri. Ha insegnato nelle Università di Palermo, Enna e Catania, nell’Accademia di Belle Arti di Palermo e nella Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici dell’Università di Siena. Dal 2013 è in servizio come ricercatore a tempo determinato presso l’Università di Siena.

Angela Sanna (Québec, 1964) è professore di Storia dell’arte contemporanea presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano. Ph.D in Storia dell’arte (Université de Paris 1 Panthéon-Sorbonne), ha al suo attivo numerose ricerche e pubblicazioni orientate su più aspetti dell’arte moderna e contemporanea, dai rapporti tra Milano e Parigi nel secondo dopoguerra all’opera di Enrico Baj e del movimento post-surrealista Phases, dal Futurismo fino agli scritti di poetica di Breton, Baj, Fontana. Ha collaborato con musei e gallerie, tra cui il Centre Pompidou, il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci e il Museo Siviero di Firenze, del quale ha pubblicato, tra l’altro, i cataloghi delle opere dal ‘300 al ‘900. Ha curato e/o presentato varie mostre di artisti contemporanei.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti e non prevede l’accesso al percorso museale.