BEYOND BORDERS

16 e 23 novembre, h17.30

Mercoledì 16 novembre, ore 17.30
Firenze ’66 – Dopo l’alluvione

Proiezione del film di Enrico Pacciani, alla presenza del regista

Dopo la prima ufficiale nell’ambito delle Celebrazioni in ricordo dell’Alluvione e il passaggio in prima tv su Sky Arte HD del 5 novembre, il film Firenze 66 – Dopo l’Alluvione di Enrico Pacciani, prodotto da Alkermes e Sky Arte HD, viene presentato al Museo Novecento alla presenza del regista.
Il 4 novembre 1966 l’Arno ruppe gli argini e inondò il centro storico di Firenze. La città che i Medici avevano immaginato come una “nuova Atene” rischiò di trovarsi sommersa come una nuova Atlantide.
Migliaia di volontari provenienti da tutto il mondo si mobilitarono per contribuire al salvataggio di Firenze e del suo patrimonio culturale. Animati da una comune passione per l’arte, molti di loro superarono le frontiere e le divisioni imposte dalla Guerra Fredda per mettere in salvo tesori ritenuti appartenere a tutta l’umanità.
Il film è stato realizzato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, la collaborazione dell’Archivio del Festival dei Popoli ed è stato realizzato nell’ambito del programma Sensi contemporanei per il cinema.
A 50 anni dall’alluvione che travolse Firenze il 4 novembre del 1966, Firenze 66 – Dopo l’Alluvione è il racconto di come la catastrofe ha trasformato la città, delle persone arrivate spontaneamente da tutto il mondo per salvare le opere d’arte e delle loro storie, delle sfide culturali e ambientali ancora aperte. Attraverso le testimonianze di protagonisti del salvataggio, il commento di esperti e l’impiego di immagini d’archivio, il documentario indaga come l’Alluvione abbia segnato per 50 anni la città di Firenze e i suoi soccorritori, e come continui a essere importante anche per coloro che non l’hanno vissuta.
Ingresso libero fino ad esaurimento posti. L’ingresso non prevede l’accesso al percorso museale.

Mercoledì 23 novembre, ore 17.30
Il cantiere del restauro dopo l’alluvione del 1966

Incontro con Marco Ciatti, Direttore dell’Opificio delle Pietre Dure

Un incontro dedicato al cantiere sul restauro creatosi a Firenze nel 1966, all’indomani dell’alluvione. La calamità naturale, abbattuta su un territorio così ricco di beni artistici e documenti, risvegliò le coscienze spingendo restauratori e tecnici di tutto il mondo a venire a Firenze in nome di un patrimonio ‘’comune’’. Si venne così a creare un luogo di eccellenza e di scambio transnazionale per il restauro e il recupero del patrimonio storico-artistico.
La conferenza sarà l’occasione per raccontare questa parte di ‘’storia del Novecento’’ e di sottolineare il valore di questi scambi, allora difficilmente immaginabili all’interno di un quadro politico segnato dai contrasti della Guerra fredda.
Ingresso libero fino ad esaurimento posti. L’ingresso non prevede l’accesso al percorso museale.

Photo by David Andre